Una “Bella” (nel senso di film) … dimenticata nel bosco dei flop annunciati

Un film come questo – scelto a Pistoia dal Movimento per la Vita come “apripista” di un primo ciclo di cineforum sui temi della vita, a 360 gradi – ha avuto una scarsissima, per non dire inesistente, circolazione nelle normali sale commerciali italiane.

Interrogarsi sui motivi di questo “oscuramento” – magari dopo aver visto il film e i valori positivi con esso veicolati – può risultare utile: anche alla vigilia del concreto avvio, nella Chiesa italiana, di un decennio dedicato proprio alla sfida educativa.

Cosa c’è, in questo film, da nascondere agli spettatori italiani? Perchè un’opera come questa – probabilmente non un capolavoro, ma di certo migliore di tante demenzialità con tanto mercato – viene destinata, a priori e senza possibilità di effettiva verifica dal pubblico, a un “flop” praticamente annunciato? Forse perchè politicamente … scorretta volendo raccontare di una vita non rifiutata ma accolta?

Annunci
Published in: on 11 ottobre 2010 at 15:41  Comments (1)  

The URI to TrackBack this entry is: https://diocesipistoia.wordpress.com/2010/10/11/una-bella-nel-senso-di-film-dimenticata-nel-bosco-dei-flop-annunciati/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. Ho partecipato alla serata che è stata davvero piacevole; il film è appassionante, a volte commovente, anche poetico nel raccontare le vicende umane dei protagonisti.

    Molto realistico il racconto della giovane ragazza, Nina, che scoperto di essere in cinta, si trova sola, senza soldi, senza marito, senza lavoro, ed è intenzionata a voler mettere fine alla gravidanza (sembra una storia vera di tutti i giorni). Ma come accade nella realtà è sufficiente trovare qualcuno (nel film il protagonista maschile Josè) che ti sta accanto, senza esprimere giudizi, per rompere il muro della solitudine e riscoprire il dono dell’amore. E l’amore umano fatto di solidarietà e fraternità cresce intorno alla sorte della bambina poi concepita e chiamata con nome di Bella.

    Un film originale, senza eccessi, senza propaganda, costruito sul racconto del bene e del buono, che sfiora temi come l’aborto e l’adozione e che ci ricorda il valore unico della vita e la grandezza della famiglia.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: