Quel matrimonio “pompato”

Grande spazio nei giorni scorsi, sui media, per un matrimoni0 definito particolare e che ha me ha messo adosso una profonda tristezza. Due giovani toscani si sono sposati – civilmente nel senso di rito “civile” – su una spiaggia veneta: hanno “coronato” il loro “sogno d’amore” sulla sabbia di uno stabilimento, fra gente unta di creme solari piegandosi alle piccole logiche mercantili di un’amministrazione comunale in cerca di facile pubblicità.

Ho visto un servizio sul tg di Rai Toscana e, confesso, ho pensato che i due ragazi dovessero avere – per aver ottenuto quello spazio – qualche parente in quella redazione. Ma subito dopo ho rivisto il servizio addirittura nel tg1 delle ore 20 e ci sono rimasto di sasso sfuggendomi, confesso, la notiziabilità dell’evento. Il giorno dopo ho ritrovato la notizia, con spazio molto ampio, sui quotidiani toscani.

Lo dico sottovoce, da giornalista che ancora crede nel valore “civile” di una professione a credibilità, purtroppo, sempre meno elevata: ma non sarebbe il caso di rivederli, i nostri criteri di notiziabilità? Perchè una non-notizia come questa (presumo commissionata dal sindaco e pompata da qualche ottimo ufficio stampa) si conquista spazi così robusti addirittura nei tg sottraendo spazio a notizie di utilità assai più robusta?

Con tutti gli auguri del caso a Gianna e Nicolò (gli sposi) e i complimenti al sindaco, ho l’impressione che rispondere sia perfino troppo facile …

Annunci
Published in: on 20 giugno 2011 at 07:28  Comments (1)  
Tags: ,

The URI to TrackBack this entry is: https://diocesipistoia.wordpress.com/2011/06/20/quel-matrimonio-pompato/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. Condivido in pieno quello che viene scritto in questo articolo e come purtroppo si dia importanza a notizie che fanno “sensazione” anche se sono delle cose non importante.
    Quello che è peggio è che in questo caso è stato mercificato il matrimonio per fare pubblicità. Mi unisco anch’io agli auguri a questi due sposi. Che siano felici.
    Ma dico io: perchè non si dà la stessa importanza a chi per esempio è ancora felicemente sposato da tanti anni? Come me per esempio che a chi me lo chiede dico: sono più che felicemente sposato da 29 anni.
    Certo questo non fa notizia.
    Comunque saluto tutti e ringrazio dil sig. Bianchini per l’ottimo servizio che fa su questo blog.
    RICCARDO


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: