“Ci sarà un evento”

 Stasera sono andato a trovare una persona morta.  5 anni ancora e, di anni, ne avrebbe fatti 100. Abitava da sempre nel centro storico di Pistoia ed era una donna – di grande fede – molto conosciuta.

Nell’epoca in cui si ha pefino paura a pronunciare la parola “morte” e si cercano sostituti ( ” … è scomparsa, è spirata, ha cessato di vivere …”) la famiglia ha scelto gesti antichi: ha voluto tenere la salma in casa, in attesa dei funerali che ci saranno, domani pomeriggio, nella vicina chiesa di San Giovanni , dove lei  era di casa.

Il portone esterno dell’abitazione è rimasto, insolitamente, aperto; in modo da facilitare il via vai di persone in visita. Ho trovato molto comunicativa e bella questa porta aperta: alla morte e, contemporaneamente, alla vita.

E splendido un commento di una signora che – passando dalla via, notando la porta aperta, le luci accese e un capannello di persone – si è fatta scappare un “ci sarà un evento” in effetti azzeccatissimo.  Grande evento, la morte.

Ma ancora più straordinario ciò che accade dopo. La vita.

Annunci
Published in: on 16 ottobre 2011 at 19:33  Comments (1)  
Tags: , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://diocesipistoia.wordpress.com/2011/10/16/ci-sara-un-evento/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. “la signora Reali” come la chiamavamo a scuola è stata la mia maestra solo in V° elementare ma, anche se sono passati cinquant’anni da allora mi è sempre rimasta nel cuore: insegnava con amore e dedicava tutto il suo tempo alla famiglia composta dal figlio tanto amato, alla scuola e alla chiesa….ci insegnava tante cose ma sopratutto ci insegnava “la vita”: a rispettare gli altri e a pensare non solo a noi stessi ma anche a chi ci stava accanto e aveva bisogno anche del poco che potevamo dargli. Queste cose mi sono rimaste impresse nel corso degli anni….qualche anno fa, prima di infermarsi, mi telefonava spesso: mai però per se stessa…. aveva sempre qualcuno da aiutare….Cara maestra come in questi anni ti ho sempre portato nel cuore ora più che mai ti sentirò vicino….da lassù veglia sulla tua famiglia ma anche su noi alunni (e siamo tanti, tanti, tanti…) che ti hanno amato e non ti hanno dimenticato. Ho due cari ricordi di te che mi tornano in mente : quando suonando la pianola in V° elementare ci insegnavi il “va’ pensiero” e una decina d’anni fa quando il giorno del Corpus Domini ti ho incontrato in Duomo: erano passati quarant’anni ma…sembrava che ci fossimo lasciate il giorno avanti.Un abbraccione forte forte…e sopratutto un grazie per tutto quello che mi hai dato……Gabriela Cecchi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: