Pistoia-Firenze: tempi moderni in treno

CONFESSO

Confesso: avrei voluto scriverlo io,
un pezzo così bello, efficace, vero.
Grazie all’autore
(Mauro Banchini) 

 

‘TEMPI MODERNI’ E RAPPORTI UMANI
(CHE NON CI SONO PIÙ) *
                                                                                                                                                          di Luigi Scardigli
                                                                                                                           Una tragica passata in treno da Pistoia a Firenze –
                                                                                                                                   Non esistono più neppure gli studenti
                                                                                                                                        * dal blog “Quarrata News”

PISTOIA-FIRENZE – Stamattina ho preso il treno per andare a Firenze. No, non colgo nuovamente l’occasione per tediarvi ancora con gli orari e con una sporcizia che supera ormai ogni ragionevole indecenza. Mi preme che ogni normodotato che legge (questo) si faccia promotore di una campagna che a mio avviso ha dell’epocale. Nessuno parla più con nessuno, se non da solo. Non sto scherzando, è la drammatica e ahinoi, sintomatica, chiave di lettura di una follia degenerante che si sta impossessando di questa generazione, non a caso, anche per questo motivo, credo, allo sbando.

Sono stato cinquanta minuti in treno all’interno di uno scompartimento pieno in ogni ordine di posti; più di cinquanta persone. Ognuno di queste ha trascorso l’intera durata del tragitto a digitare non so cosa sul proprio telefonino o sfogliando uno di quei quaderni informatici. Tutti, ma proprio tutti, eh, non contenti del proprio preoccupante nichilismo, non ne ha nemmeno approfittato, in una bella giornata come oggi, per alzare la testa e, casomai, incrociare lo sguardo di una bella persona; erano tutti muniti di auricolari con i quali ascoltavano – credo – la musica.

E dire che di cose di cui parlare, in relazione agli accadimenti di ieri, ce n’erano eccome: il processo Berlusconi, per gli amanti del trash; i buuu negli stadi, per chi crede che il colore della pelle valga qualcosa; la follia devastante e omicida dell’extracomunitario a Milano e quella del geloso a Caserta; il nuovo Cd dei Pink Floyd nella raccolta di Repubblica; il Convento del nuovo governo; le mezze stagioni che non ci sono più, la sigaretta elettronica, lo scudetto della Juve, Valentino Rossi che non è più lo stesso, “menomale oggi c’è il sole ma da domani pioverà di nuovo”, “che c’andiamo a fare all’Università”, “lavoro non se ne trova” o che so?, scegliete voi, ma parliamone, per favore, di qualcosa parliamo, diamine!

E a te che te ne frega? Tutto. Sono stato un frequentatore assiduo, quotidiano, del treno che da Pistoia porta a Firenze: erano gli anni, bellissimi, dell’Università. Vero, i treni arrivavano in ritardo, come oggi, erano sporchi, come oggi, affollati, come oggi, ma con un’unica grande eccezione: si parlava, un sacco e anche contemporaneamente. Sui treni di noi studenti, con la pioggia o con il vento, con il freddo e con il caldo, si discuteva, si litigava, ci si dava appuntamenti, si interagiva, nel senso più nobile e caotico del termine.

Ho conosciuto, durante gli anni universitari, una miriade di persone con le quali ancora oggi, a distanza di oltre venti anni, scambio opinioni, pareri, cene, qualche volta anche un pizzico di intimità. Bellissimo!

Preso dall’indignazione e dalla rabbia, tra le stazioni di Prato Porta al Serraglio e Prato Centrale mi sono alzato e ho voluto vedere, da vicino, se le mie impressioni ortogonali ricevute dal mio punto di osservazione corrispondessero alla realtà: sì, tragicamente. Due ragazzi però, che sono quelli che ho immortalato con la fotografia (nemmeno il flash li ha distolti dalla loro rumorosissima solitudine), qualcosa hanno condiviso: con un unico auricolare (all’orecchio destro, uno, al sinistro l’altro) hanno potuto, senza scambiarsi una sillaba per tutto il tragitto, nemmeno sul sound della musica che stavano ascoltando, spartirsi le note, senza tradire la benché minima emozione.

Mentre scrivo mi accorgo, inesorabilmente, di invecchiare. Ma non tutto ciò che è passato è da cambiare, da buttare: qualcosa si può conservare, qualcosa si deve conservare: anzi, qualcosa occorre proteggere e solidificare. I rapporti umani, ad esempio. Ce n’è un gran bisogno, credetemi!

Annunci
Published in: on 14 maggio 2013 at 19:37  Comments (1)  
Tags: , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: